L’inizio dell’alta stagione turistica e il forte impulso del settore delle esportazioni associato alle zone franche manterrebbero la pressione per mantenere il tasso di cambio del dollaro al ribasso nei prossimi mesi, secondo Pablo González, analista economico della Borsa.

Per saperne di più: Il dollaro raggiunge il suo valore più basso in un decennio

 

L’analista ha sottolineato che, mentre l’economia è piena di dollari, la domanda per la valuta nordamericana non cambia.

“In genere il mercato si comporta in surplus da dicembre a marzo. Con il calo di poco più di ¢10 del tasso di cambio nel mese di dicembre, il mercato continua a presentare eccessi di valuta estera nelle vetrine delle banche che vengono trasferite al mercato delle valute estere (Monex), il che provoca la tendenza al declino continua a gennaio e in generale potrebbero continuare a verificarsi durante il primo trimestre finché i determinanti continueranno a mostrare lo stesso comportamento”, ha affermato González.

Di fronte a questo eccesso di dollari, la Banca Centrale continua ad acquistare valute in eccesso affinché la formazione del prezzo, cioè del tasso di cambio, avvenga in modo ordinato ma mantenendo sempre la tendenza al ribasso secondo le determinanti del mercato.

Per saperne di più: Rodrigo Chaves difende il dollaro a buon mercato